Circa l’assicurazione infortuni che l’avvocato è tenuto a stipulare per sé, i propri collaboratori, dipendenti e praticanti ai sensi dell’art. 12 comma 2 della L. 247/2012 (nuova legge professionale forense), il Consiglio Nazionale Forense, nelle note esplicative e di commento alla normativa, ha chiarito che l’applicazione di detta norma è differita alla determinazione da parte del Ministero delle condizioni essenziali e dei massimali minimi delle polizze assicurative, determinazione che dovrà essere assunta sentito il CNF. Lo stesso vale per l’assicurazione a copertura della responsabilità civile.

Viceversa, chi è già in possesso della polizza R.C. deve renderne noti gli estremi alla propria clientela e al Consiglio dell’Ordine.